Sanificazione Condominio

La sanificazione degli ambienti è una delle attività più importanti per preservare la sicurezza, specialmente in periodi come quello attuale nel quale stiamo combattendo una epidemia molto grave e che ha causato migliaia di decessi.

Quando si parla di sanificazione si intende non solo la pulizia e la disinfezione, ma anche una serie di operazioni che rendono l’ambiente adatto per la permanenza di persone senza rischi.

Per questa attività si consiglia sempre, specialmente nel caso di negozi, uffici e condomini, di rivolgersi a ditte specializzate, che oltre alla grande professionalità hanno anche la disponibilità di attrezzature adeguate e utilizzate secondo le normative. In questo periodo le norme da rispettare per la sanificazione degli ambienti sono state implementate e rese più stringenti in modo da contrastare con maggiore efficacia la trasmissione del contagio.

Inoltre nelle attività di sanificazione è necessario seguire, come raccomandato dalle stesse norme, una procedura corretta. Uno degli ambienti in cui è maggiormente necessaria la sanificazione è il condominio, ovvero le parti comuni di palazzi.

Tuttavia, però, i dubbi sull’obbligo di eseguire la sanificazione, i costi e l’efficacia delle misure preventive permangono. Dunque, la sanificazione obbligatoria in condominio quale tipo di intervento richiede? Come e quando sanificare? Ma soprattutto cosa dice la normativa di riferimento e quali sono i costi?

Sanificazioni Certificate: Cosa Dice la Normativa?

Le normative vigenti per le operazioni di sanificazione, come è stato riaffermato più volte da parte del Ministero della Salute fanno capo esclusivamente a tre documenti principali. La Legge n° 82 datata 25 gennaio 1994, la Legge n° 40, datata 2 Aprile 2007, ed il Decreto MISE n° 274 del 07/07/1997. La imprese che effettuano le operazioni di sanificazione devono rispondere ai requisiti riportati in questi documenti.

In relazione agli aspetti sanitari legati alla delicata situazione sanitaria, salvo eventuali obblighi comunali, il condominio potrebbe valutare la sanitizzazione delle parti comuni dell’edificio, al fine del contenimento e prevenzione dell’epidemia da Covid-19.

Infatti, la tutela degli spazi condominiali deve essere garantita e vigilata da parte dell’amministratore, sempre nel pieno rispetto degli obblighi indicati dall’art 36 e 37 del D.Lgs 81/08, ovvero di tutti gli obblighi formativi e informativi a tutela dei professionisti e dei lavoratori subordinati, che, a qualsiasi titolo, prestano il lavoro nel condominio richiamato relativamente ai rischi o pericoli che possono verificare, in relazione all’eventuale trasmissione epidemiologica del Covid-19. 

(altro…)

Continua a leggereSanificazione Condominio